Andamento della Cassa Integrazione Guadagni (CIG) - Anno 2011

I dati di fonte INPS evidenziano che nel 2011 vi è stata una diminuzione (in valore assoluto), rispetto all’anno precedente, delle ore di Cassa Integrazione concesse nella provincia di Padova. Il totale delle ore nel 2011 è stato di 15,4 milioni, ben 10,1 milioni in meno rispetto al 2010 (anno record); si è registrata, quindi, una diminuzione percentuale del 39,7%. Questo dato, decontestualizzato dall’andamento delle dinamiche economico-finanziarie post-crisi del 2008-2009, potrebbe trarre in inganno sull’andamento della ripresa del ciclo economico complessivo.
Infatti, come si vede dal grafico, il monte ore in termini assoluti è il secondo nell’ultimo quinquennio (prima del 2005 la dinamica di ore era comunque molto bassa), in pratica il nostro territorio è tornato ai livelli del 2009. Ciò potrebbe evidenziare una dinamica più strutturale della crisi, in cui l’esplosione del 2009-2010 potrebbe esser stata postuma al vero picco della crisi (2008-2009) e non ancora riassorbita dal tessuto economico padovano.

Possiamo evidenziare che nella provincia di Padova le imprese hanno cominciato a manifestare la propria difficoltà solo un anno dopo lo scoppio della crisi economica internazionale; infatti con un +512%, il 2009 è stato anno record anche in termini relativi per il ricorso allo strumento della CIG delle imprese padovane.

A livello settoriale, nel corso dell’anno 2011, il ricorso alla CIG si concentra principalmente nel settore metalmeccanico (32% del totale) e questo dato, sommato al 18% del sistema moda, forma la parte più rilevante del 50% delle ore totali di CIG concesse in provincia.

In generale nella regione Veneto, nel 2011, le ore di CIG si attestano a 86,8 milioni, che evidenzia una diminuzione del 30,4% rispetto al 2010 (inferiore a quella registrata a Padova). Rispetto alle altre province, Padova si attesta dopo Treviso e Vicenza che, rispettivamente, pesano per il 23,2 e il 19,4% del totale del Veneto.

Infine Padova, per calo percentuale della CIG, si colloca dopo Rovigo (-50,9%), mentre è la prima per riduzione in termini assoluti seguita da Verona e Vicenza.

La presenza di crisi occupazionali di tipo strutturale è evidenziata dall’entità delle ore di CIG straordinaria (CIGS) sul totale delle ore concesse: per Padova, pur con una diminuzione dell’incidenza della CIGS rispetto al 2010 (da 49,5 al 44,2%), questa percentuale è superiore al Veneto (42,3%) ed è seconda solo alla provincia di Verona.

Fonte: Centro Studi CCIAA Padova.