LA DINAMICA DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO NELLA PROVINCIA DI PADOVA: 1° trimestre 2012

Da una recente indagine campionaria pubblicata dalla Camera di Commercio di Padova, condotta su un campione di 109 imprese padovane (pari al 4.4% del totale) e 609 venete del settore del commercio al dettaglio con più di 3 addetti, realizzata in collaborazione tra CCIAA Padova e Unioncamere Veneto, emergono alcuni dati “in chiaro-scuro” per quanto riguarda la situazione economica delle imprese del territorio per il 1° trimestre 2012. In particolare vengono analizzati i dati del Fatturato e del livello di occupazione per i settori merceologici alimentare/non alimentare differenziati a livelli di dimensione d’impresa: Piccola-Media Distribuzione (PMD) e Grande Distribuzione (GD).

IL FATTURATO: Come evidenzia il grafico sottostante, il fatturato nel 1° trimestre del 2012 in Provincia di Padova presenta una diminuzione media del 4% evidenziando una inversione di tendenza in senso negativo rispetto allo stesso periodo del 2011. Questo risultato e’ da attribuire principalmente alla caduta del fatturato nella grande distribuzione (-7,7%, la maggiore dell’ultimo triennio); siamo in presenza di un andamento negativo anche nella piccola distribuzione, anche se di dimensione percentualmente più contenuta (-1,7%).

.immagine1.png

Rispetto alle tendenze in atto nelle altre province della regione, per il fatturato la Provincia di Padova presenta uno dei risultati peggiori in regione (-4%,  assieme a Rovigo -4.1% e Venezia -4.6%). Se analizziamo la situazione a livello merceologico emerge che nel dettaglio alimentare si registra una diminuzione del fatturato del 2% (la maggiore degli ultimi 4 trimestri), per il comparto dei prodotti non alimentari permane un trend negativo del fatturato registrando un -5%.

immagine2.png

L’OCCUPAZIONE:  La situazione è più rosea se si guarda invece ai dati relativi all’occupazione, infatti sempre per il 1° trimestre del 2012 in Provincia di Padova, la variazione rispetto allo steso trimestre dell’anno precedente è positiva del 6.8%. Rafforzando il trend già rilevato negli ultimi due trimestri del 2011, per effetto dell’aumento degli addetti nel dettaglio alimentare e nella grande distribuzione, in presenza invece di una crescita limitata del piccolo dettaglio. Padova quindi segna l’aumento maggiore del Veneto, seguita da Belluno (+6%), mentre nel resto della regione l’andamento e’ di poco positivo per Vicenza (+1,2%), Treviso (+0,7%) e Venezia (+0,5%) con Verona e Rovigo che evidenziano invece cali consistenti (-5% e -6% rispettivamente).

immagine3.png

Infine per quanto riguarda le previsioni formulate per il 2° trimestre 2012, esse confermano la possibilità di un ulteriore peggioramento per la dinamica del fatturato, mentre per l’occupazione viene segnalata la prevalenza di una situazione di stazionarietà.

FONTE: Centro Studi CCIAA Padova.